Italiano Farmacia on line: comprare cialis senza ricetta, acquistare viagra internet.

Microsoft word - maggio 2006_bis.doc

Dialogo con il cittadino
MAGGIO 2006

LA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

La depressione è uno dei principali problemi di salute pubblica. Negli ultimi anni si è assistito ad un’attenzione sempre maggiore ed ad un crescente coinvolgimento del medico di famiglia nella gestione dei pazienti con disturbi depressivi. Infatti, un’indagine condotta recentemente a Verona ha riportato che, nel corso di un anno un medico di famiglia con circa 1.200 assistiti, prescrive antidepressivi a 48 pazienti (4%) nella fascia di età compresa tra i 21 e i 60 anni. Tra i farmaci più prescritti ci sono gli SSRI (fluoxetina, citalopram,
paroxetina, sertralina, fluvoxamina ed escitalopram), considerati più sicuri in termini di effetti collaterali rispetto ad altri antidepressivi. Da questa analisi emerge un altro dato importante: oltre un terzo dei pazienti assume la terapia antidepressiva per periodi brevi o saltuariamente nel tempo e quindi in modo non corretto per una completa remissione dei sintomi e per la prevenzione delle ricadute. In alcuni di questi casi, probabilmente, si potrebbe evitare il ricorso ai farmaci antidepressivi. In alternativa un’assistenza da parte del medico, che
non necessariamente prevede l’uso di farmaci antidepressivi, potrebbero essere considerata sulla base delle caratteristiche del paziente e rivelarsi altrettanto
utile o addirittura migliore. Bisogna inoltre riconoscere che, a dispetto di un
maggiore coinvolgimento del medico di famiglia nella gestione dei pazienti depressi, sono ancora diversi gli aspetti da indagare, ovvero come il medico di famiglia percepisce il disturbo depressivo, come fa la diagnosi, come sceglie la terapia e valuta nel tempo gli esiti clinici. Per poter trovare delle risposte a tali quesiti è stato proposto e approvato ad aprile 2006 dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), l’Italian Study on
Depression (ISD) uno studio sulla depressione che coinvolgerà medici di
famiglia e pazienti. Tale studio si propone di conoscere la reale diffusione del problema depressivo, di comprendere le modalità con cui il medico individua tale problema e di confrontare e valutare le diverse strategie di assistenza, includenti o meno farmaci antidepressivi. A cura dell’Unità di Informazione del Farmaco – Centro Regionale di Riferimento Per ulteriori approfondimenti contattare il numero verde 800 434 233 - 800 518 318 (9.30-12.30) o il seguente indirizzo e-mail: uif@ulss20.verona.it Dialogo con il cittadino
MAGGIO 2006

SCORTE PER L’INFLUENZA AVIARIA: SERVONO?

Il mondo scientifico inizia a mettere in discussione la manovra che molti Stati hanno intrapreso su parere dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di investire in ingenti scorte di oseltamivir in attesa di una possibile pandemia
d’influenza aviaria. Non ci sono chiare evidenze a supporto di questa misura e ci si chiede se tali raccomandazioni nascondano possibili conflitti di interesse. Il farmaco è in commercio in Italia dal gennaio 2006 con il nome di Tamiflu® e nell’opinione pubblica viene comunemente associato all’influenza aviaria, ma, in realtà, oseltamivir è indicato per la profilassi e il trattamento della normale influenza stagionale. Qual é quindi la sua reale efficacia e sicurezza? Nella prevenzione dell’influenza, dopo il contatto con persone ammalate, il
farmaco ha mostrato una modesta efficacia. Il normale vaccino antinfluenzale rimane quindi la migliore misura di profilassi. Nel trattamento dell’influenza, oseltamivir deve essere assunto entro 48 ore
dall’inizio dei sintomi per 5 giorni. Il farmaco riduce il tempo di guarigione di circa un giorno, tuttavia nei pazienti anziani e/o in quelli affetti da patologie croniche, l’efficacia è minore. Gli effetti collaterali più frequenti sono lievi (soprattutto nausea). Alcuni dati recenti riportano tuttavia casi di reazioni gravi nei bambini (n= 75 di cui 8 decessi e 32 reazioni di tipo neuropsichiatrico). Per quanto riguarda l’uso del farmaco negli umani affetti dal virus dell’influenza
aviaria, i dati finora disponibili sono pochi ma suggeriscono un’efficacia limitata.
Inoltre, sono stati già rilevati ceppi resistenti ad oseltamivir in due pazienti che Dai dati disponibili risulta che usare oseltamivir per la normale influenza non è vantaggioso per il paziente. Inoltre, finché i dati di sicurezza sui bambini non saranno chiariti, si consiglia cautela soprattutto in età pediatrica. A cura dell’Unità di Informazione del Farmaco – Centro Regionale di Riferimento Per ulteriori approfondimenti contattare il numero verde 800 434 233 - 800 518 318 (9.30-12.30) o il seguente indirizzo e-mail: uif@ulss20.verona.it

Source: http://www.movimentodeicittadini.it/documenti/dialogo/depressione.pdf

Bedford laboratories

MATERIAL SAFETY DATA SHEET Section I - IDENTITY Common/Trade Name: Doxycycline for Injection, USP Chemical Names: 2-Napthacenecarboxamide,4-(dimethylamino)-1,4,4a,5,5a,6,11,12a-octahydro- 3,5,10,12,12a-pentahydroxy-6-methyl-1,11-dioxo- Synonyms: Vibramycin Intravenous, Doxycycline, Liviatin, Doxiciclina, GS-3056 Manufacturer's Name: Address: Emergency Telephone Number:

10_2815_bioreagents_antibodies_datasheet.indd

Fisher BioReagents® Antibiotics and Antimycotics In many life science laboratories, the in vitro culturing of bacterial, Optimized for cell culture plant, and animal cells is a routine task. High quality antibiotics and antimycotics from Fisher BioReagents can be used to ensure success-ful growth of cells by eliminating unwanted bacterial stra

Copyright © 2010-2014 Drugstore Pdf Search