Italiano Farmacia on line: comprare cialis senza ricetta, acquistare viagra internet.

Portobeseno.it

LA MEMORIA DI SAN BARTOLOMEOquartiere di Trento progetto di Trento ASA – associazione di cultura fotografica in col aborazione con gli utenti del gruppo Facebook “San Bartolomeo, ricordi innocenti non solo reati” .e nar tra le Palafite sul pra' dela roza a lezer Voltaire o Carlo Marx . enventar che la rivoluzion la doveva partir da lì, magari dagli operai de le fabriche de via Fermi … tutti inquilini del e Palafitte ! Comunque san Bortol la resta bela . bela, perchè comunque la me fà sentir el ricordo de casa, per bel o brut che 'l sia, ma me casa. Ciao san Bortol bela, nianca la quinta glaciazion la te porteria via. te sei nel cor! Quando l'Ikea non c'era. a San Bartolomeo negli anni 60 era un pul ulare di commercio, il quartiere era popolato!! L'ENTE CONSUMI, IL PANE, IL DARIO de la verdura, la BRUNA (parrucchiera), la macel eria, l'altro negozio panetteria, el tabachin, el RENZO de la verdura, il barbiere … EL PEGORARO, le "mode" ADRIANA, el bar Dimitri, poi divenuto Loris.
Con i Venturini le battaglie con le Pive da un poggiolo al 'altro si sostituirono con le "balote di pacioca" come arma, credo che Sergio, sia l'autore di due colpi che si sono stampati sul muro a fianco del nostro poggiolo. Balote de pacioca de terra dei vasi, che non era quel a comprata, ma quel a stupenda del nostro terreno, mista con un poco di terra da fiori per renderla più morbida. Quel e due pal e di grosso calibro rimasero su quel muro al quinto piano, fino al 2007 anno di posa del 'isolazione termica del numero 36 di Via Robine. Dai primi anni '70 al 2007! San Bortol, tiratori scelti dappertutto !! La cultura trentina, che ancor oggi si respira, aveva insegnato loro a esser bravi lavoratori, dimenticando cosa fossero sentimenti, coccole, appoggio, solidarietà, amicizia. ed i nostri genitori si posero come meta il lavoro, dedicandovisi totalmente permisero di farsi risucchiare l'anima. I soldi per mangiare servivano e noi piccini ne abbisognavamo, per coccole ed affetto, non c'era tempo. troppo stanchi e sfiniti per dilungarsi in sciocchezze che non servono a nulla. c'era la lavatrice da stendere, c'era la partita al televisore. c'era da finire di riassettare la casa, dato che si era stati fuori tutto il giorno. Ed eccoci, noi, centinaia di piccini, liberi ed anarchici, scorrazzare al 'impazzata sul e biciclette, in ogni meandro del a nostra fantasia, in quei cortili incustoditi. Forse ci mancavano, forse no, quel e coccole, quel 'affetto, di sicuro era l'ultimo dei nostri problemi. bastava correre, scappare a guardia e ladri, rubar ciliegie. ed ora adulti, ora cinquantenni, riportando lo sguardo su quel e giornate, sul e risse che scoppiavano, su furti, su sorrisi, sul e risate a crepapelle, ci accorgiamo di quanto avevamo. LIBERTA' SINCERA ED AMICIZIA VERA. insostituibile, indimenticabile, preziosa. l'è giugno … a san Bortol finiva le scole … e la mattina l'arrivava prima per noi boci abituadi a nar a scola i genitori i l'ha toleva pu comoda . noi non doveven nar pù a scola per 3 mesi … la calma per le strade.
le mamme occupade a far la spesa a l'Ente Consumi o dal Dario de la verdura.
i alberi pieni de maggiolini en quei ani. le strade le era ancora de tera. sabbion gross e a Gozad'or gh'era le lucciole e i cervi volanti La mia famiglia è andata ad abitare lì nel 1954, eravamo sfol ati e prima eravamo al 'ospedale militare di Trento poiché la casa dei miei genitori era stata bombardata. Quindi siamo stati tra i primi abitanti del e Palafitte.
Io ho abitato in viale Olmi 18 nei palazzi costruiti nel a seconda fase del 'urbanizzazione del quartiere. Vi sono arrivato al a loro costruzione quando avevo sei anni e cioè nel 64 ed eravamo un po' i "ricchi" perché le case erano più grandi e decorose. Ma eravamo tutti famiglie numerose di operai ed artigiani. Oggi sto a Torino quindi non posso partecipare direttamente ad iniziative nel quartiere. Vi è rimasto il mio cuore. Lì ho cominciato la mia attività politica con i comitati di quartiere, con i mercatini "rossi" di frutta e verdura a prezzo politico contro il carovita che mi portarono anche al mio primo processo. Con la lotta al a diffusione del 'eroina dei primi anni 70 ed i "circoli del proletariato giovanile " del 1977.
sono nata in san bartolomeo nel 1959, vi ho abitato fino al '81.poi ci sono tornata nel '85 fino al 94 … ci torno ogni giorno .
Dal 1970 al 1984 ho vissuto nel e "palafitte" e quando anche mia nonna ha lasciato il quartiere ho fatto del e foto sia esterne che interne di quei mini appartamentini.
Il quartiere di San Bartolomeo lo ricordo con emozione e tanto affetto dove ho trascorso la mia felice infanzia, abitavo in via degli Olmi dove tutt’ora ho ancora famigliari, abito a Como e ogni tanto vengo a Trento.
Ho abitato per sei mesi tra il 1955 e 1956 presso le piccole casette "americane" (quei quattro edifici tutti uguali che si vedono su qualche vecchia fotografia); dopo una breve parentesi in Sicilia abbiamo abitato in viale del e Robinie, prima nel a fila di case che confina con Viale Verona, poi al numero 26.
E i ricordi?? A casa del a Paola con quel "marachela" de fradel . che l'ho rincontrà quando l'era papà.
Le tipe di Sopramonte che porteven a casa del Fabrel o.
I seci de acqua de la Tomasel i. La Gal o che ziga dal poggiolo. I ricordi de la siora Bazanel a che me carezzava come en matelot anche a 30 anni .
I deventerà lagrime che luccica tutte le volte che i ritorna a farse sentir nel cor de 'n "Spiazarol", ricordi de san Bortol …belo! e le sfide al balon al camp dei preti en viale verona? la clarina contro san bortol. Tre quarti dela squadra de san bortol i era dele palafitte: el gattamelata.mitico.el bendinel i.e che lotte ai bordi del camp co le done de quei dela clarina.
"SE NO TE ME RIDAI EL BALON, TE SPACO I VEDRI CON NA SASADA!!" . anche così ti veniva gentilmente chiesto di restituire il pal one finito sul poggiolo (anche del quarto piano come i Voltolini) , dai "smargeloni de boci" che giocava in cortile , sotto il cartel o : VIETATO IL GIOCO DELLA PALLA E DEL PALLONE ! (una vergogna di divieto) Questa l'è SAN BORTOL e noi Boci eravamo tantissimi !!! .
San Bartolomeo è nata senza asfalto … ma che dico? San Bartolomeo é nata senza macchine! Sono venuti, hanno eretto le case a scaglioni di tempo. Dopo l’erezione del e case le strade erano rimaste per anni in terra battuta anche dopo la comparsa del e automobili. San Bortol era sempre l’ultima… la vicina Bolghera era trattata con i guanti bianchi, L’OPPOSTO ERA PER SAN BORTOLAMEO. Le strade erano di ghiaone battuto e con l’apparizione del e prime macchine si formava un polverone da far-west in estate e una palude quando pioveva.
La campagna del Conte “Zizo” l’era rifornida del e zirese dela qualità pù bona del mondo ”QUELE ROBADE” :) non ho pù magnà zirese cosi bone! … e poi che gita era senza essere rincorsi dai contadini … scorpacciata, corsa digestiva e giù dai terreni del ’odierno Studentato Universitario, con le rame dei zirezari come trofeo, e chi era restà nel e strade del quartiere accoglieva i gloriosi al ritorno, che erano sfamati, divertiti ma anche feriti (micidiali i fili di ferro del e vigne mentre sei in fuga) ma le ferite si portavano come fiori al ’occhiel o! il motto era “io ce l’ho fatta” (a scampar) cara Lidia . abbian ricordato i momenti anche l'ultima volta che ci siam visti, quando tu incredula hai guardato giù dal poggiolo al secondo piano ed hai esclamato dopo aver sentito la mia voce (a vista non mi hai riconosciuto) "ma sei tu!!! Lucianino mio!!! vieni su tesoro, vieni su”. Ho passato ore inebetito da ciò che provavo, tornato bambino con una del e mie "mamme a turno". Si perché ce ne erano altre per me, la mamma del Bicio (via Tigli) lei piccolina ed anche suo figlio piccolino, mi a dato carezze in viso pure a 35 anni; la Signora Parisi, ogni 2 settimane andavo da lei a mangiare ed ero accolto come un fratel ino anche dai figli; la signora Furlani, dove andavo a suonare "Sul Bel Danubio Blu"; non ultima Rita Rugino . ma lei merita una nota a parte , una donna del a classe proletaria , che mi ha dato del e lezioni di educazione civica , sociale ed educazione sessuale degne di una Laureata con 110 e lode.
. non tutti, ma tanti di noi erano fortunati, ed a San Giuseppe non era difficile veder tornare a casa il marmocchio di turno con il suo pal oncino colorato legato al polso. quel i che volano, quel i che fan sognare. forse l'unico balocco per mesi e mesi a venire. era un super trofeo. anni 70, rione popolare, e chi poteva permetterselo? Una volta al 'anno, i poggioli del e palafitte, si coloravano di questa gioia, e qua e la, legati al a ringhiera esterna del balcone, il vento soffiava su queste speranze dai mil e colori e dal e mil e sfumature. quasi sempre erano poggioli di bambine, che affacciate ognuna al proprio balcone, sembravano dame sfilare, una accanto al 'altra in bel ezza e in beltà. Ma dove ci son dame, ci son anche Principi ed orchi, cavalieri e spade. I nostri cavalieri eran armati di cannette. eeee si amici miei, pive di carta a raffica, ed in punta il temibile spil ino … io abitavo al primo piano, preda sin troppo facile da colpire . e loro . GENTILISSIMI. come sempre, o ti sposti subito, o centriamo anche te . e PAF . il pal oncino esplodeva . raid terribili, fulminei, sbucando al 'improvviso in drappel i di venti, tutti armati sino ai denti. finito le pive, con i poggioli più alti?. c'eran le fionde. stì disgraziadi.
La strada dove abitavo da bambina, paral ela al Rio Sale, era equidistante da due rioni del a città: Bolghera e San Bartolomeo, e li divideva. Quartiere molto borghese il primo, operaio il secondo, dove l’unica licenza romantica era racchiusa nei nomi di alberi del e tre vie: Tigli, Olmi e Robinie. Era conosciuto anche per le palafitte e le americane – case popolari costruite con il piano Marshall – e definito Bronx, con il passar degli anni, per la concentrazione di problemi sociali mai del tutto risolti. Esistevano dei giochi con cui si aveva un appuntamento con scadenze dettate dal a natura. In primavera ai primi caldi e quando la natura si risveglia era il momento giusto per costruirsi una ”Fionda”, gioco affascinante nel a ricerca del pezzo di ramo con cui costruirla. Al e spal e di San Bartolomeo c’era un bosco che, credo, sia stato del cosiddetto “Rossi bacan” (contadino), che più di una volta aveva rincorso gli intrusi nel bosco, ma da quando aveva smesso d’imbracciare la doppia caricata a sale col cacchio che beccava qualcuno.
Marcel ino abitava al 36, arteriosclerosi e alcool avevano messo un muro tra il mondo e lui . ma forse era solo quel o che tutti credevamo. Marcel ino in San Bartolomeo ci stava bene, ribel e fino al a morte. Reduce di guerra . trasandato, ma avrei voluto veder gli altri al suo posto. Marcel ino aveva la sua "dolce metà" Emma. Marcel ino adorava le donne galiziane . "tutte tettone" diceva. E negli anni l'ho sentito dir da altri, che in Galizia era andato per vacanze. Marcel ino non credo fosse stato in "ferie volontarie" in Galizia . ma almeno era tornato vivo!A Marcel ino vanno le mie scuse e spero quel e di altri bimbi. Non tanto per le stupidate, ma per quelle volte che gli rubavamo il cappello. Condizionati dal modo di vedere Marcel ino dei grandi trattavamo irrispettosi quel povero vecchio. Ok era un pochino pazzo! Per esempio quando cominciava a lamentarsi come un bimbo per il suo cappel o . in quel momento capivamo che era sbagliato quel o che facevamo. E c'era sempre qualcuno che riportava il cappel o nel e sue mani. Lui ti sorrideva . aveva perso tutto . aveva perso se stesso e la mente, ma il suo cappel o era una cosa inseparabile per lui. Marcel ino non portava rancore, aveva altro da fare nel a sua confusa vita! Marcel ino era un vero "spiazarol" sovversivo! Passeggiava per le vie del rione gridando a squarciagola : "PORCA ITALIA!. PORCA ITALIA" !!! Non vorrei sbagliarmi, ma in quei momenti tante persone erano d'accordo con il significato di quelle urla! Sul a discesa del a campagna del contadino Rossi slittavano tutti, si saliva in 2, 3, anche 4 al a volta sul a slitta, qualche temerario affrontava la discesa in pancia disteso, tutti si mettevano in mostra come gal etti. L'arrivo era formato da un passaggio tra due filari di vigne (che regnavano ovunque nei dintorni del quartiere) sormontato da un lungo palo. Nel nostro immaginario era paragonabile al o striscione del 'arrivo del e piste da sci dove correvano i veri "campioni" che si vedeva in televisione, Gustav Thöni era un esempio molto seguito.
A vederlo oggi con Google Maps si direbbe una lingua di verde, a ricordarlo a quei tempi, era un bosco. Al di là del a "rozza" (il rio Val Nigra) la terra di san Bartolameo si ergeva rapidamente, per poi formare un piccolo altipiano, dove poggiava la chiesetta . quel a "vera" di San Bartolomeo. In questa lingua di terra la natura era abbandonata . a dire il vero era vissuta dai bimbi, più o meno giovani e di generazioni che si susseguivano oramai da una decina d'anni.
IL VUOTO PERCEPIRE DEGLI ANNI '70 . perché i nuclei familiari era notevolmente cambiati, degenerando, ma chi si è trovato a viver l'infanzia in quel periodo ora porta con se ancora enormi spettri del passato. Spettri perché vuoti, vuoti incolmabili. Parlo ovviamente della realtà rionale, a sud di Trento, nel mitico San Bartolomeo. Chi ancora viveva in quegli anni, nei periferici paesini in collina, vivendo situazioni familiari matriarcali, con accanto, non solo la mamma, ma anche una generazione femminile a protezione e ad appoggio, ha sicuramente sofferto meno, dell'incremento industriale, e del 'imbarbarimento familiare. Chi era cucciolo rampollo di qualche ben agiata famiglia, invece, nemmeno si è accorto di tali profondi cambiamenti, che man mano hanno al ontanato la società trentina rurale dai nuclei matriarcali, sino a condurla in quella moderna realtà, che a breve si sarebbe nutrita solo del loro sangue operaio.
Al e medie iniziai a sentirmi davvero a disagio: considerata troppi scalini giù da quel i del a Bolghera, per giocare nei loro giardini recintati, partecipare al e loro feste, andare in vacanza nel e loro case in montagna. Troppi scalini su per quel i di San Bartolomeo, con i quali mi ero persa la vita in strada, l’amicizia e la complicità del ’esser ugualmente disagiati. Da adolescente il quartiere di San Bartolomeo divenne così malfamato da essere imbarazzante dire di risiedere in quel a zona. E doveva sempre seguire la chiosa: via Chini è strada di confine, il Bronx comincia da lì in poi. Con gli anni Settanta fu soprattutto la droga a trovare terreno fertile fra molti che erano al e elementari con me e che, purtroppo, furono tra le prime vittime in città. Sicuramente entrò anche nel e bel e case col recinto dei ricchi. Ma fece meno, molto meno rumore.

Source: http://www.portobeseno.it/2010/testo_a4_palafitte.pdf

Microsoft word - tender for cotrimoxazole - ds tablet for 2013-14

ORISSA STATE AIDS CONTROL SOCIETY (OSACS) (Department of Health & Family Welfare), Government of Orissa Information & Public Relation Department, Sub: - Release of advertisement. Enclosed please find a copy of the advertisement for release in two leading odiya Newspaper preferably “Samaj” & “Dharitri” al over Odisha publication and in one leading English News pa

Microsoft word - aclu-protest brochure-sp1 im version 3.doc

QUÉ HACER DURANTE UN Dirección de la oficina local de la ACLU: ENCUENTRO CON LA POLICÍA No tiene que responder a las preguntas de un oficial de policía, pero debe mostrar su licencia de conducir y el certificado de registro de su automóvil si le piden que detenga el automóvil. Si se encuentra a pie y un policía tiene razones para pensar que usted efectúa actividades ilíci

Copyright © 2010-2014 Drugstore Pdf Search